Cittadinanza per discendenza, come ottenerla in poco tempo

Per chi ha dei genitori che vivono in Italia ma non sono regolarmente dei cittadini italiani, ha la possibilità di ottenere per loro questo stato. Una volta che sono arrivati all’interno del suolo italico, anche senza il visto di soggiorno, hanno la possibilità di rimanere e vivere con il figlio che possiede la cittadinanza italiana.

Per questo tipo di pratica cittadinanza, la prassi da svolgere è la seguente:

Controllare il proprio atto di nascita

Come primo passo, è importante recarsi presso gli uffici comunali dove si è nati e fare richiesta dell’atto di nascita. Se sull’atto sono presenti i nomi dei propri genitori, la pratica può procedere in maniera molto veloce, nel caso contrario si dovrà seguire una diversa strada.

Se nell’atto di nascita non sono presenti i nomi dei propri genitori, è bene contattare il consolato della propria nazione e fare richiesta di una dichiarazione che conferma chi sono i propri genitori e dove si dichiara il nome, cognome e data di nascita di ogni genitore. È importante, verificare che le date, il nome e il cognome siano gli stessi presenti sul passaporto. Le autorità italiane prenderanno quei dati come riferimento di confronto sulla dichiarazione da voi fornita.

Visto d’ingresso

In base a una direttiva europea, se i genitori viaggiano con il figlio che possiede la cittadinanza italiana non hanno necessità di nessun visto. Questa normativa è valida solo se si raggiunge l’Italia direttamente dal proprio paese di residenza. Se per esempio si raggiunge l’Italia direttamente dall’Egitto non ci sono problemi, ma se si esegue uno scalo aereo in Grecia le cose cambiano. La polizia di frontiera della Grecia può richiedere un visto ai genitori e ai familiari che non sono provvisti di una regolare cittadinanza italiana.

Se i propri genitori non viaggiano con il figlio cittadino italiano, possono richiedere un visto turistico per raggiugerlo in qualsiasi momento. Questo escamotage, gli permette di raggiungere l’Italia più semplicemente.

Carta di Soggiorno

Una volta che i genitori sono arrivati in Italia nell’abitazione del cittadino italiano, possono fare richiesta di una Carta di Soggiorno. Questo documento della durata di 5 anni, da richiedere in questura, si può ottenere solo ed esclusivamente se il figlio residente può dimostrare di avere le capacità economiche di sostenere se e i familiari per cui fa richiesta.

Grazie a questa carta, i genitori o i familiari hanno la possibilità di rimanere in Italia e di lavorare regolarmente a tutti gli effetti. Terminati i 5 anni della durata della Carta di Soggiorno, hanno la possibilità di richiedere la Carta di Soggiorno permanente. Questo documento, gli permette di risiedere in Italia senza limiti temporali anche lontano del figlio che possiede la cittadinanza italiana.

Potrebbero interessarti anche...