Revisione obbligatoria della caldaia: tutto quello che (ancora) non sai

Tante persone fanno ancora confusione tra manutenzione periodica della caldaia e revisione obbligatoria. Questa questo breve articolo vuole fare chiarezza in particolare su quest’ultima indicando ogni dettaglio utile.

Ogni quanto prenotare la revisione obbligatoria

In pochi sono a conoscenza delle tempistiche corrette con cui contattare il tecnico della manutenzione e assistenza. Oltre ai controlli periodici annuali, è necessario chiamare per la certificazione e la revisione certificazione della caldaia. La tempistica può cambiare in base alla potenza dell’apparecchio in uso per la produzione di acqua calda sanitaria.

Le caldaie che hanno una potenza inferiore a 100 kW vanno certificate una volta ogni due anni. Le caldaie con una potenza maggiore a 100 kW sono da certificare novanta alla l’anno. Infine, le caldaie di ultima generazione con tecnologia a condensazione vanno certificate solo una volta ogni quattro anni con un considerevole risparmio nel corso del tempo.

Che cosa prevede la revisione obbligatoria

Per rilasciare la certificazione, il tecnico della caldaia deve controllare che alcuni parametri rispettino quanto stabilito dalla normativa vigente. Con un particolare strumento il tecnico verifica la quantità di gas combustibile utilizzato dalla caldaia, la quantità di calore prodotto, I fumi generati e anche la loro temperatura. Solo se tutti i parametri rientrano in quanto stabilito, il tecnico rilascia la famosa certificazione, cioè il bollino blu che può essere attaccato direttamente sulla caldaia o anche conservato nel libretto.

Cosa fare in caso di controlli

Oltre a essere un problema termini di funzionamento, i controlli solo essenziale anche per evitare costose multe che importo compreso tra 500 a 3000 euro. Di solito, le autorità adibite ai controlli sulle certificazioni della caldaia si annunciano telefonicamente in maniera da poter preparare le carte da controllare. Inoltre, questo lascia anche il tempo di chiamare il tecnico nel caso dovessi mancare l’ultima certificazione. C’è poco da fare se manca più di una certificazione: quarant’anni in questo caso poco utile perché difficilmente si scampa dalla multa. L’unica soluzione è chiamare periodicamente per la revisione ricordandosi che è diversa daila manutenzione annuale.

Se desideri avere ulteriori approfondimenti, vai su www.assistenzacaldaie-roma.com

Potrebbero interessarti anche...